PERCHE’ IL SETTORE DEL BEAUTY NON DEVE AVERE PAURA DEL CORONAVIRUS: IL LIPSTICK INDEX

 In Ricerca Medica

PERCHE’ IL SETTORE DEL BEAUTY NON DEVE AVERE PAURA DEL CORONAVIRUS: IL LIPSTICK INDEX

Ci credereste se vi diciamo che la vendita di rossetti ha un impatto decisivo sull’economia di un Paese?

È proprio così, e questo concetto apparentemente strano è stato definito Lipstick Index.

Nel 2001, Leonard Lauder, presidente di Estée Lauder, storica multinazionale nel mercato di cosmetici e profumi, notò che negli anni successivi all’attentato delle Torri Gemelle, contrassegnati quindi da una forte insicurezza e da profonde difficoltà economiche, i profitti della sua azienda avevano invece registrato un importante tasso di crescita.

Come è stato possibile?

In una situazione di crisi totale, in cui l’individuo si sente totalmente smarrito, non ha più fiducia in nulla e ha timori riguardo la propria stessa vita, come può configurarsi la scelta di acquistare più rossetti?

È un po’ quello che sta succedendo in questi giorni con la paura del Coronavirus. Molti di noi sono stati inevitabilmente travolti dal terrore, ben più contagioso del morbo stesso, per questo genere di virus che provoca infezioni respiratorie, polmoniti, bronchiti. Ad oggi, purtroppo, non sono stati ancora scoperti vaccini né quantomeno farmaci antivirali contro questa terribile infezione.

La paura sociale di un’epidemia suscita preoccupazione ma l’allarmismo va sempre combattuto in quanto porta al panico e al blocco dell’economia, dovuto al fatto che le persone hanno paura di uscire, non viaggiano, non consumano negli abituali ristoranti cinesi o giapponesi.

Ma come combattere questo trend? E che impatto questo potrà avere sul settore beauty?

La decisione di acquistare un rossetto, prodotto di cosmetica a costo relativamente basso, quindi, ha ed ha avuto nel corso degli anni la funzione di rendere felici le donne, gratificandole con poco.

Questo accade perché quando tutto è grigio, il colore rosso delle labbra, che ci ricorda la passione, il sangue che scorre nelle vene e quindi la vita, ci fa sentire meglio. Ancora di più quando tutto intorno a noi è grigio e fosco. Più le cose vanno male, più si vendono rossetti e trattamenti beauty. E’ il famoso Lipstick Index.

Winston Churchill, durante la Seconda Guerra Mondiale, escluse i rossetti dal razionamento dei prodotti cosmetici, affermando che le labbra rosse fossero in grado di sollevare il morale di chi le avrebbe osservate e di chi le esponeva.

Quindi siamo sicuri del fatto che ancora più donne metteranno un bel colore rosso brillante sulle labbra contro questi tempi bui. Magari utilizzando uno dei trattamenti Omnia per il tatuaggio permanente delle labbra.

Così contro il grigio di questi tempi, il rosso delle labbra non durerà solo qualche ora ma per vari anni.

 

Post suggeriti
Contattaci

Contattaci per avere maggiori informazioni

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt